This forum uses cookies
This forum makes use of cookies to store your login information if you are registered, and your last visit if you are not. Cookies are small text documents stored on your computer; the cookies set by this forum can only be used on this website and pose no security risk. Cookies on this forum also track the specific topics you have read and when you last read them. Please confirm whether you accept or reject these cookies being set.

A cookie will be stored in your browser regardless of choice to prevent you being asked this question again. You will be able to change your cookie settings at any time using the link in the footer.

  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
La rivincita dei vecchietti .........
#1
Gli USA scoprono che al di la' di Cloud , archivi relazionali , archivi 3D , linguaggi ad oggetti e menate collegate li da loro molti software usano ancora il caro vecchio Cobol su cui molti  negli anni 80 , tra cui il sottoscritto , hanno iniziato a programmare gestionali , poi seguendo il mercato si finii a lavorare suil'RPG/36 , noi in Italia abbiamo minori problemi di questo tipo perche' il grosso della  informatizzazione della PA e' avvenuta verso la fine degli anni 80 e negli anni 90 , dove ci fu' l'esplosione di richieste di Comuni anche di piccole dimensioni che si organizzarono con propri server e gestionali client/server che giravano prima su DOS e poi sulle varie versioni di Windows ,  per completare il rinnovamento passando a gestionali che usavano linguaggi piu' moderni ed erano svincolati dai sistemi tipo IBM , ma c'erano anche amministrazioni su Middle Size Honeywell / Bull  o altri sistemi "esotici" , invece negli USA complice aver iniziato prima ed una gestione dove in pratica ogni singolo stato dell'unione decide per se ecco che su alcune cose sono rimasti attivi dei dinosauri tecnologici .......... 

https://www.corrierecomunicazioni.it/dig...campo-ibm/
  Cita messaggio
#2
Serve davvero un rinnovamento generale dei sistemi informatici delle PA, di cui questa pandemia ci sta facendo scoprire ancora di più l'urgenza e il fatto che siano fondamentali.
  Cita messaggio
#3
La nostra amministrazione non sta messa malissimo a livello locale sono stati fatti begli investimenti negli anni 90 e a livello centrale c'e' stato un certo rinnovamento nel corso degli anni 2000 con apertura verso la rete Internet in generale i sistemi sono piu' o meno aggiornati , rimangono dei colli di bottiglia e problemi  strutturali a livello di interfaccia tra le varie amministrazioni centrali e verso la rete dove spesso sono state fatte promesse che non potevano essere mantenute , insomma il casino con l'inserimento delle domande sul sito dell'INPS poteva essere evitato specificando da subito che non era urgente e che anche se si inserivano le domande dopo 4/5 giorni i soldi sarebbero arrivati lo stesso invece si e' creata attesa da Click Day e sappiamo come e' finita .......  Poi chiaramente niente e perfetto e sappiamo che anche nelle aziende private , caso migrazione  clienti dal Core Network 3 insegna , ci sono problemi ad aggiornare i sistemi e la PA nostrana non e' esente da questo tipo di problematiche . Mi ha stupito che negli USA la PA in tanti settori e' arretrata piu' della nostra ma come scritto l'informatizzazione e' gestita a livello dei singoli Stati e dipende dalle risorse economiche che possono allocare e magari su alcune cose sono costretti a tenere accesi sistemi informatici di 40 e spicci anni fa' senza possibilita' di poterli aggiornare .
  Cita messaggio
#4
(16-04-2020, 14:45)ibm17 Ha scritto: Serve davvero un rinnovamento generale dei sistemi informatici delle PA, di cui questa pandemia ci sta facendo scoprire ancora di più l'urgenza e il fatto che siano fondamentali.

Credo che il caso del sito INPS sia la migliore rappresentazione della necessità del rinnovamento..
  Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 2 Ospite(i)